Le cause degli acufeni e le ultime ricerche

guarire dagli acufeniUna buona notizia per chi è affetto da acufeni. Nella primavera del 2018 arriveranno le linee guida europee per il trattamento dell’acufene, un disturbo che si stima colpisca in Italia 3 milioni di persone, di cui 600 mila di grado severo, mentre in Europa ne soffrono in 70 milioni.

Un problema quindi molto diffuso anche se poco conosciuto e di cui si parla poco. Ho più volte ribadito come il primo passo per risolvere il problema del fischio dell’acufene sia un’autodiagnosi per capire le possibili cause (per questo, se sei iscritto alla mailing list, ti basta inserire la tua mail nel modulo a fine articolo, riceverai anche un questionario per fare un’auto-analisi). Se non c’è una cura assoluta per il ronzio alle orecchie è anche perché le cause sono varie e non sempre conosciute. Infatti il 57% dei casi di acufene sono idiopatici vale a dire senza cause precise, colpendo anche chi gode di un buon udito.

Nonostante l’elevato impatto socio-economico, la ricerca per l’acufene è piuttosto limitata. E’ quindi un’ottima notizia il fatto che l’Unione Europea abbia approvato il finanziamento del Cost Action Tinnet, con lo scopo di creare un network di ricerca internazionale.

La dott.ssa Alessandra Fioretti, otorinolaringoiatra e audiologa, responsabile scientifico del Tinnitus Center di Roma e ora parte del progetto europeo conferma l’importanza della fase di auto analisi:
“La fase della diagnostica è molto importante e con i colleghi europei ci siamo confrontati perché le esperienze sono diverse da Paese a Paese. Il nostro obiettivo finale è cercare di arrivare a degli standard uguali per tutti, in modo da poter lavorare in maniera simile tra i diversi centri, e anche a grandi database con raccolta di dati che siano sempre più crescenti e corretti, proprio perché raccolti con criteri uguali per tutti”.

Si evince come finalmente si prenda atto della complessità della malattia, tanto che si esprime la necessità di un approccio multidisciplinare alla malattia, che veda insieme otorini, audiologi, psicologi e ricercatori, per individuare la terapia migliore per ogni paziente.

“Per trattare l’acufene è importante seguire metodologie multidisciplinari andando a definire tutte le possibili cause di comorbidità, andando per esempio a fare uno studio più sostanzioso a livello della tiroide o di possibili malattie autoimmunitarie o di una possibile correlazione con una trombofilia.
Gli accertamenti vanno fatti e vanno considerati anche nell’ambito delle componenti somatosensoriali, in caso di acufene, infatti, ci può essere un collegamento con una compromissione a livello della colonna cervicale o dell’articolazione temporo-mandibolare, ed è molto importante non sottovalutare neppure la presenza dei disturbi del sonno. Si tratta di tanti aspetti che vanno considerati nel paziente e bisogna non sottovalutarli perché potrebbero portare ad un insuccesso terapeutico”.

Lo sanno bene anche i lettori di questo sito che si sono rivolti ad ogni forma di specialista medico. In vari articoli ho spiegato il legame dell’acufene con varie cause quali patologie del sistema uditivo, cervicale, tiroide, dieta, stress etc.
L’acufene di grado severo è spesso associato a depressione, ansia e insonnia che comportano conseguenze socio-economiche importanti. In considerazione dell’aumentata esposizione al rumore nelle attività quotidiane e ricreative, il numero di persone colpite da acufene tenderà ad aumentare.

“Gli studi epidemiologici del settore rinforzano l’idea di questo crescente aumento dell’incidenza dell’acufene: i dati parlano di una prevalenza che va dal 10% al 15% della popolazione. Negli Stati Uniti si calcolano circa 45 milioni di americani che soffrono di acufene, mentre in Italia uno studio epidemiologico condotto dall’Istituto ‘Mario Negri’ di Milano ha evidenziato come anche nel nostro Paese ci sia una percentuale abbastanza sostanziosa, con 3 milioni di persone che soffrono di acufene e più di 600mila in forme severe
C’è addirittura un 50% di pazienti che non ha una causa nota e si definiscono idiopatici. Ci può essere una causa di acufene anche in caso di udito normale, quindi non sempre l’acufene si associa ad una perdita dell’udito”.

Il Tinnet è un network di ricercatori nato con lo scopo di investigare le cause e le terapie più adatte ai vari tipi e sottotipi di acufene, per predisporre entro il 2018 un protocollo condiviso (linee guida) di gestione clinica per la diagnosi e il trattamento degli acufeni. Si spera che finalmente si possano fare passi avanti nella ricerca e nella cura di questa malattia molto sottovalutata.

Opt In Image
Vuoi LIBERARTI dal fastidioso fischio all'orecchio?
Ricevi gratuitamente via mail il libro Curare gli Acufeni
Email:
Nome:
 

by Luca

24 commenti… add one

  • speriamo che sia la volta buona e che si raggiunga qualcosa di positivo perchè questo fischio a volte diventa insopportabile.
    Una buona giornata.
    Mario Di Palma

    Reply
  • Speriamo il 2018 sia fortunato

    Reply
  • Maria Dolores Pitzus November 26, 2017 3:47 pm

    La mia vita sta sempre peggiorando…..un fischio continuo sempre più alto ormai sono cinque anni che ne soffro …..

    Reply
  • Grazie per l aggiornamento

    Reply
  • Fa sempre piacere sapere che si sta facendo qualche passo avanti.comunque grazie per l’aggiornamento.

    Reply
  • interessante, chi scopre come curare gli acufeni lo propongo per il nobel della medicina

    Reply
  • Inrociamo le dita!!
    Sono troppi anni che combatto questo maledetto fischietto nelle orecchie!

    Reply
  • Il mio acufene é causato da sorditá totale improvvisa monolaterale, il problema é che diventa sempre piú insopportabile, speriamo che questo 2018 porti a qualcosa di piú concreto nella ricerca. Un saluto a tutti.

    Reply
  • Ho letto che alcuni ricercatori hanno appurato che l’acufene é stato individuato nel precuneo,una parte del cervello e che questa scoperta può essere utile alla ricerca di eventuali cure. Qualcuno ha notizie più dettagliate? Grazie

    Reply
  • Fra 3 giorni sono 4 anni che ne soffro ed ogni giorno è uno stress anche per addormentarmi questo fastidioso ronzio diversi medici mi hanno tetto che bisogna conviverci… sicuramente questi non sanno che male fa questa malattia.

    Reply
  • Buongiorno a tutti,speriamo facciano passi da giganti in questo campo…siamo sbattuti da una clinica all’altra,e di concreto ancora nulla…speriamo veramente.

    Reply
  • Ho questo problema da quando all’età di 20 anni ho fatto esercitazione di tiro con il fucile al servizio di leva. All’ospedale militare mi riscontrarono il trauma acustico ma non sono stato guidato prontamente in maniera giusta per essere riconosciuto del danno subito.
    Al di là di questo riconoscimento vorrei proprio che si potesse fare qualcosa, perché certi giorni è veramente debilitante e per la mia età di oggi, ormai sopporto questo problema da più della metà della mia vita.
    Speriamo di … “sentirci” meglio presto.

    Reply
  • Ciao a tutti, vorrei porvi una domanda, visto che di questa malattia non si sa poi così tanto, siccome mia madre ne soffre, e se ricordo bene ne soffriva anche mia nonna, e ne soffro anche io, quindi, vorrei chiedervi se è possibile che sia anche ereditaria. Grazie.

    Reply
  • Speriamo bene e’ ronzioa volte insopportabile.

    Reply
  • Grazie. Io ne soffro da 9 anni in maniera così pesante da condizionarmi la vita. Vorrei esistesse un medico in grado di certificare la mia non-vita.

    Reply
  • Speriamo bene!

    Reply
  • Speriamo che in futuro uniscono gli sforzi con dei ricercatori bravi per trovare una cura efficace che ci permette di vivere una vita un po piu rilassante e dignitosa, altrimenti non si vive con questo fischio continuo.
    Un saluto a tutti

    Reply
  • Io soffro di questo frichio da circa 5 anni. La causa, presuppongo che sia stato dovuto ad un attegghiamento di mobbing in ufficio che ho dovuto sopportare per ben 2 anni. Difatti questo ronzio mi è spuntato in quelle circostanze. Ho fatto due visite e mi hanno detto che questo ronzio lo dovrò tenere per tutta la vita. Speriamo che gli specialisti hanno trovato come guarire.

    Reply
  • Speriamo in una concreta soluzione curativa….ci convivo da otto anni…mi piacerebbe Ascoltare il SILENZIO!

    Reply
  • Saluti a tutti io l’acufene ce lo da 40 anni il mio è un caso diverso da voi ora ho 50 anni negli ultimi anni prendo 2 pasticche di Ginko biloba al giorno più la soluzione acustica il problema è abbassato del 70 80 x cento ho incominciato a vivere

    Reply
  • Soffro da3 anni non posso più

    Reply
  • Soffro da3 anni non posso più speriamo facciano qualcosa

    Reply
  • Vorrei Tanto sperare Che qualcosa si stia veramente muovendo ha livello Mondiale perche tantissime volte non si riesce ha sopportare questo fastidiosissimo Fischio nella Testa e Come se qualcuno ti dicesse metti la mano nel fuoco e ignoralo Quello che senti non Solo questo Tante volte ci viene detto di imparare ha conviverci questo e assurdo non e possibile se parlo cosi e perche da molti anni soffro avevo Un amico che Mi capiva perche anche lui affetto con il Tinnitus Come me mA lo perduto perche si e suicidato non ce la Fatta ha sopportare Intensita del Volume e si e buttato da Un Ponte cosi Mi ha riferito sua Madre lui Mi faceva sempre coraggio e Mi diceva di Tener duro che Un giorno la Scienza Medica trovera qualcosa questa speranza non la voglio perdere perche e il ricordo di questo amico di famiglia scusatemi con queste poche righe Vorrei consigliare Hai Medici di non sottovalutare il Tinnitus perche non e affatto una cosa da scherzare Porgo i miei piu cari Saluti

    Reply
  • Ho 62 anni da quando avevo 20 anni che mi porto questo maledetto ronzio insopportabile…ancora oggi non riesco a darmi pace

    Reply

Lascia un commento

Previous Post: